Windows 10 offrirà più trasparenza nei dati raccolti da Microsoft

0
1
windows 10

Finalmente Microsoft con il lancio di Windows 10 Creators Update darà maggiore attenzione per quanto concerne la privacy dei dati degli utenti, inserendo delle funzionalità utili anche a chi sa utilizzare poco il PC. E’ vero! Quando si parla di privacy di Windows 10, tutti iniziano un po’ ad innervosirsi, perché non è proprio un sistema operativo che mette al centro dell’attenzione la privacy dell’utente.

Windows 10, Microsoft offrirà più trasparenza

In questi anni, moltissimi utenti, ma soprattutto anche l’Unione Europea, ha accusato più e più volte Microsoft su questa scelta di non offrire una buona privacy. Il punto è che questa versione rispetto a prima, ovviamente dato che abbiamo più funzionalità, i dati che saranno raccolti sono maggiori e quindi con la possibilità di avere ancora meno privacy. Pertanto adesso quello che la Microsoft dovrà cercare di risolvere con il prossimo update, prima di tutto, è quello di tenere a mente la questione privacy. Windows 10 Creators Update sarà la risposta a tutte queste richieste, sia da parte degli utenti che soprattutto dalla legge!

Microsoft, infatti, ha inserito tutta una serie di funzionalità dedicate alla privacy. Prima di tutto, grazie a delle breve descrizioni di ciascuna impostazioni di Privacy, e soprattutto ad un pulsante (il classico “learn more”), le opzioni saranno più semplici di accesso, anche agli utenti che magari non sono molto avvezzi. Inoltre, Microsoft sta anche aggiornando le normative sulla privacy, per poter includere maggiori dettagli riguardo i miglioramenti con il Creators Update, e per comunicare ulteriori informazioni sui dati che raccoglie, e soprattutto che utilizza. Per la prima volta, inoltre, Microsoft ha pubblicato addirittura un elenco completo dei dati diagnostici raccolti a livello base. La Microsoft, quindi, con i futuri aggiornamenti di Windows 10 ha intenzione di migliorare quello che è l’approccio con la privacy, migliorando soprattutto le funzionalità di Cortana!

FONTE: Tom’s Hardware

Lascia un Commento